Giornata Nazionale del Braille

Locandina XIV Giornata Nazionale del Braille

L’UICI di Roma celebra la 14° giornata nazionale del Braille con le scuole del V Municipio

Venerdì 26 febbraio dalle ore 10.00 il Gioco-evento online che coinvolgerà sei scuole primarie del Quinto Municipio di Roma in occasione della 14° giornata nazionale del Braille. Promosso dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Roma, in collaborazione con l’Irifor e il Patrocinio degli Assessorati alle politiche Scolastiche e Sociali, l’iniziativa avrà lo scopo attraverso il gioco di avvicinare e sensibilizzare gli studenti alla conoscenza del sistema di lettura e scrittura tattile a rilievo per non vedenti e ipovedenti, messo a punto dal francese Louis Braille nella prima metà del XIX secolo.

UN PO’ DI STORIA

La giornata nazionale del braille è una ricorrenza istituita con la legge n. 126 del 3 agosto 2007. Si celebra annualmente il 21 febbraio, quale momento di sensibilizzazione dell’opinione pubblica nei confronti delle persone non vedenti, in coincidenza con la giornata mondiale della difesa dell’identità linguistica promossa dall’Unesco (l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura). Infatti, questo sistema consente ai ciechi di accedere al patrimonio culturale scritto dell’umanità.

Nel 1821 Louis Braille venne ispirato da una visita a scuola da parte di un militare, Charles Barbier de la Serre, che descrisse un metodo basato su dodici punti per scrivere messaggi in rilievo, metodo da lui proposto alle forze armate per i dispacci notturni. Braille semplificò questa idea e inventò il metodo basato su sei punti che porta ancora il suo cognome: Braille.

PERCHE LA COMMEMORAZIONE

Nell’ambito della giornata dedicata al Braille, le amministrazioni pubbliche e gli altri organismi operanti nel settore sociale possono promuovere idonee iniziative di sensibilizzazione e solidarietà, nonché convegni, incontri e dibattiti presso le scuole, per richiamare l’attenzione e l’informazione sull’importanza che il sistema braille riveste nella vita delle persone non vedenti, al fine di sviluppare politiche pubbliche che favoriscano una reale inclusione sociale, di accesso alla cultura e all’informazione per tutti coloro che soffrono di minorazioni visive.

GIOCO-EVENTO

A Roma saranno gli alunni della primaria in particolare delle quinte classi, i protagonisti della 14° giornata nazionale del Braille, sarà un’attività ludico-didattica con l’alfabeto braille messa appunto dai docenti dell’Istituto, ricerca e formazione (Irifor). Giocheranno con le parole “Paroliamo”, con i numeri “Numeriamo” e con le Regioni d’Italia. Grazie alla competenza e disponibilità dello staff dell’Assessore alle politiche scolastiche Prof.ssa Mariaelena Mammarella del Quinto Municipio parteciperanno all’iniziativa gli Istituti Comprensivi: Olcese, Piazza De Cupis, G. B Valente, Artemisia Gentileschi, Aretusa e Luca Ghini.

LE AUTORITA’

All’evento è stata invitata il Sindaco di Roma Virginia Raggi, l’Assessore alle politiche sociali Veronica Mammì e Maria Teresa Zotta Presidente della Commissione Scuola del Comune di Roma. Interverranno Mario Podeschi Assessore politiche sociali del V Municipio; Maria Elena Mammarella Assessore Politiche educative e scolastiche del V Municipio; Umberto Placci Presidente Commissione Affari Sociali del V Municipio; Mario Barbuto Presidente Nazionale Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti APS. Giuliano Frittelli Presidente dell’UICI di Roma modererà l’incontro.

Condividi: