Logo UICI

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS

Sezione Provinciale di Roma

 

Comunicati del 14 luglio 2015

 

1° Comunicato : Corsi di informatica in sezione

2° Comunicato: Gruppo di lavoro per la gipsoteca

3° Comunicato: Festa S.Alessio

4° Comunicato: Corso Subacqueo

5° Comunicato: Iscrizione dei fisioterapisti all'Albo professionale

1° Comunicato

Si comunica ai soci che dal 15 settembre partiranno i corsi di informatica con sistema operativo su Pc e Mac ,e corsi per la conoscenza e utilizzo di tablet e Smartphone con sistemi IOS e Android. Gli interessati potranno lasciare i nominativi in segreteria.

2° Comunicato

Riparte il gruppo di lavoro che gestisce la gipsoteca della sezione.
Modelli di monumenti, statue, autoveicoli e tanto altro ancora.
Il coordinatore Agostino D'antoni invita tutti coloro che vogliono partecipare attivamente, alla cura e alla gestione dell'archivio e degli eventi futuri ad esso collegati, a contattarlo.
Un ulteriore invito è rivolto a tutti coloro che, viaggiano in giro per l'Italia e per il mondo, affinchè riportino in sezione piccoli monumenti o riproduzioni caratteristiche dei posti visitati che possano arricchire il materiale della gipsoteca

3° Comunicato

Festa di Sant'Alessio 2015

In occasione della Festa di Sant'Alessio anche quest'anno:

"GUARDIAMO INSIEME LE STELLE" Link

Il 17 luglio il Centro Regionale Sant'Alessio apre le proprie porte a tutti coloro che vogliono condividere le sue attività, visitando i laboratori artigianali, tifloinformatici, riabilitativi e partecipando ad un luminoso spettacolo nel parco dell'Istituto.

Alle ore 17.00 il vescovo Mons. Matteo Zuppi celebrerà una Santa Messa nel ricordo dei benefattori e conferirà la Cresima.

Dalle ore 18.00 visite guidate al centro.

Alle ore 19.00
GUARDIAMO INSIEME LE STELLE Link
Musica, Teatro, Narrazione

(Street Food)

Per info e conferme: 06.51.30.18.222
santalessio@santalessio.org
Viale Carlo Tommaso Odescalchi, 38 - 00147 Roma

Amedeo Piva
Centro Regionale S. Alessio
Presidente

4° Comunicato

COMUNICATO N. 137

OGGETTO: Corso subacqueo specializzato per non vedenti ed ipovedenti con rilascio di brevetto internazionale Albatros Progetto Paolo Pinto - Cmas.

Dal giorno 29 settembre al 3 ottobre 2015 a Porto santo Stefano (GR) si svolgera' il Corso subacqueo specializzato per non vedenti ed ipovedenti con rilascio di brevetto internazionale Albatros Progetto Paolo Pinto - Cmas.

Il corso sara' coordinato dal trainer Manrico Volpi, con la collaborazione diretta degli istruttori subacquei brevettati con un rapporto 1 non vedente / 1 istruttore .

Durante lo svolgimento del corso si apprendera' una metodologia specifica totalmente nuova in questo campo. Gli obbiettivi di Albatros sono l'integrazione del sub cieco con tutti i subacquei e la possibilita' di fargli eseguire le stesse identiche immersioni che fanno gli altri in qualsiasi luogo del mondo, in ogni situazione, con tutte le tecniche e le apparecchiature d'immersione conosciute, esplorando e «osservando» al meglio gli habitat sommersi piu' vari.

Costi

€ 850,00 comprensivo: ore di docenza teoria, pratica, immersioni, Kit allievo ( brevetto, diploma, algario, libretto in braille di immersione , cd corso ,maglia albatros );

5 giorni in mezza pensione sistemazione in bungalow (2 persone) nel villaggio ad Orbetello.

Sara' regalata una muta su misura.

Documenti richiesti per la partecipazione al corso del non vedente e/o ipovedente

Gli interessati dovranno inviare al momento dell'iscrizione via mail ang.costantino@libero.it documento personale, certificato medico per attivita' subacquea non agonistica, 150,00 € di acconto con bonifico a:

Associazione Culturale Albatros Progetto Paolo Pinto

Banca Prossima, filiale 05000

Conto Corrente 1000 / 00105321

IBAN IT69 Q033 5901 6001 0000 0105 321

BIC BCITITMX

(prima di qualsiasi acconto contattare il cell. 3409180620)

Le iscrizioni dovranno pervenire entro non oltre 31 luglio.

Mario Barbuto

Presidente Nazionale


5° Comunicato

COMUNICATO N. 136

OGGETTO: Iscrizione dei fisioterapisti all'Albo professionale nazionale dei terapisti della riabilitazione non vedenti. Circolare direttoriale 24 giugno 2015, n. 21

Con soddisfazione e sollievo, comunichiamo che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha finalmente accolto le nostre richieste ed ha chiarito, in modo definitivo (cfr. ns. circolare 12 dicembre 2012, n. 317), che e' ammessa l'iscrizione dei fisioterapisti non vedenti all'Albo professionale nazionale dei terapisti della riabilitazione non vedenti.

L'argomento merita un breve approfondimento.

L'art. 4 della legge 11 gennaio 1994, n. 29, fa obbligo:

- ai datori di lavoro pubblici, di assumere, per ciascun presidio ospedaliero e ambulatorio nel quale si svolgano attivita' riabilitative, almeno un terapista della riabilitazione non vedente iscritto allo speciale Albo professionale;

- e agli istituti, alle case di cura ed ai centri privati nei quali si svolgano attivita' riabilitative, che abbiano alle loro dipendenze piu' di trentacinque lavoratori, di assumere almeno un terapista della riabilitazione non vedente iscritto al predetto Albo.

E' chiaro, dunque, che le opportunita' di inserimento lavorativo, che vengono dall'essere iscritti all'Albo professionale nazionale dei terapisti della riabilitazione non vedenti, sono maggiori di quelle che derivano dall'iscrizione agli elenchi, a graduatoria unica, di cui all'art. 8 della legge 12 marzo 1999, n. 68, aperti, com'e' noto, alle persone con minorazioni fisiche, psichiche, sensoriali o intellettive che comportino una riduzione della capacita' lavorativa superiore al 45 per cento, alle persone invalide del lavoro con un grado di invalidita' superiore al 33 per cento, nonche' alle persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio.

La categoria dei terapisti della riabilitazione e', pero', al pari di quella dei massofisioterapisti, una categoria ad esaurimento. A seguito, infatti, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, di riordino delle norme in materia di tutela del diritto alla salute e di organizzazione del Servizio sanitario nazionale, le due figure professionali sono entrambe confluite, ai sensi della legge 26 febbraio 1999, n. 42, e del decreto ministeriale 27 luglio 2000, in quella, individuata con decreto ministeriale 14 settembre 1994, n. 741, del fisioterapista.

A lungo e con insistenza, abbiamo chiesto agli Organi parlamentari, alle Autorita' di governo e agli Uffici centrali del Ministero di riconoscere che le tutele disposte in favore dei terapisti della riabilitazione non vedenti operano anche nei confronti dei fisioterapisti non vedenti.

Finalmente, il Direttore Generale per l'inclusione e le politiche sociali, Raffaele Tangorra, ha rilasciato il richiesto chiarimento.

Con circolare direttoriale 24 giugno 2015, n. 21, che alleghiamo in originale non editabile e in doc, e' formalmente stabilito che:

«essendo confluita la figura professionale del terapista della riabilitazione in quella del fisioterapista, potranno essere iscritti nell'Albo professionale nazionale di cui alla legge 11 gennaio 1994, n. 29 i fisioterapisti non vedenti che ne facciano richiesta e precisamente sia i fisioterapisti non vedenti che hanno conseguito il diploma di laurea sia i terapisti della riabilitazione non vedenti, purche' abbiano conseguito il relativo titolo prima dell'entrata in vigore della legge 26 febbraio 1999, n. 42».

Il provvedimento rendera' piu' semplice ai nostri fisioterapisti la ricerca di lavoro, che oggi, purtroppo, e' particolarmente ardua.

Vive cordialita'

Mario Barbuto

Presidente Nazionale

 

 

 

Centro di Promozione Tiflotecnica
Dona il 5 per mille all'U.I.C.I. di Roma
cinque per mille
Codice Fiscale: 80209970583